27
Novembre
2014
|
18:00
Europe/Amsterdam

Lexus implementa nuovi sistemi di sicurezza attiva a partire dal 2015

Toyota City, Giappone — Toyota Motor Corporation è impegnata in un lungo elenco di iniziative rivolte alla sicurezza, nella costante ricerca e sviluppo di tecnologie innovative che rendano sempre più sicuro l'ambiente in cui le vetture si muovono.

Per questo, a partire dal 2015, Lexus introdurrà il "Lexus Safety System +", un nuovo pacchetto di dispositivi di sicurezza attiva pensato per prevenire e limitare gli impatti tra veicoli a diverse velocità, in linea con l'obiettivo di azzerare il numero di vittime e feriti dovuti agli incidenti stradali. Sebbene i veicoli Lexus già siano dotati di un'ampia gamma di tecnologie e sistemi di sicurezza basati sull'Integrated Safety Management Concept , questo pacchetto ha lo scopo di favorire ulteriormente l'adozione di nuove tecnologie rivolte alla sicurezza e verrà installato - entro il 2017 - su tutti i veicoli Lexus commercializzati in Giappone, Nord America ed Europa.

Lexus Safety System +

Il "Lexus Safety System +" , parte di un approccio a più livelli sulla sicurezza attiva, unisce molti dei sistemi di sicurezza attiva Lexus: il Pre-Crash Safety System (PCS) per prevenire e ridurre gli incidenti, con funzione integrata di rilevamento dei pedoni, che aggiunge oggi un radar ad onde millimetriche ed una telecamera, per garantire un livello di affidabilità e sicurezza sempre maggiore; il Lane Departure Alert (LDA) per evitare che i veicoli possano deviare dalla loro corsia di marcia, l'Adaptive High Beam (AHB) per garantire una perfetta visibilità di marcia nelle ore notturne e l'Adaptive Cruise Control (ACC). Sarà, inoltre, incluso nel dispositivo il nuovo Road Sign Assist (RSA).

Il Pre-Crash Safety System (PCS) con funzione di rilevamento dei pedoni (PCS)

Questo sistema utilizza un radar ad onde millimetriche ed una telecamera per rilevare la presenza di pedoni, oltre che di altri veicoli. Per aiutare a prevenire e limitare i danni da collisione, il sistema attiva un allarme acustico e visivo oltre ad aumentare la forza frenante, seguito invece da una frenata automatica qualora il guidatore non prema in tempo utile il pedale.

La frenata automatica si attiva in un raggio di intervento compreso fra 10 e 80 km/h in caso di potenziali collisioni con i pedoni e può ridurre la velocità di circa 30 km/h . Per le potenziali collisioni con altri veicoli, invece, il sistema ha un raggio di azione compreso tra 10 km/h e la velocità massima che il veicolo può raggiungere, riducendo la velocità di circa 40 km/h .

(si veda pdf in allegato)